Rimpatriati i primi rom espulsi da Sarkozy

Sono arrivati in Romania i primi rom rimpatriati dalla Francia, dopo che nei giorni scorsi il presidente Nicolas Sarkozy aveva annunciato una stretta sull’immigrazione, condannata sia dalle associazioni per i diritti umani che dall’opposizione. I rom trasferiti con voli di linea a Bucarest sono 75. Un altro centinaio dovrebbe partire oggi. Il piano prevede l’invio di 700 persone in Romania e Bulgaria entro fine del mese. Il ministro degli Esteri romeno, Teodor Baconschi, è preoccupato per il rischio di «reazioni xenofobe» alla campagna anti-rom. La Commissione europea ha invitato Parigi a rispettare le regole dell’Unione sui diritti dei cittadini. Contrario anche il Vaticano: «Non si possono prendere decisioni contro intere comunità», afferma il Segretario del Pontificio consiglio per i migranti e gli itineranti, mons. Agostino Marchetto. -lastampa-