Napolitano: ho reagito alle continue congetture sul voto

Secondo il presidente dela Repubblica non esistono governo tecnici ma solo politici. Giorgio Napolitano spiega i motivi del suo intervento apparso ieri sul quotidiano "l’Unità". Oggi al Corriere della Sera il presidente della Repubblica dice di aver "reagito" per spiegare "a quanti si esercitano in continue congetture sul voto, indicando persino qualche data tra novembre e dicembre prossimi, che è bene si astengano perché questo non è di loro competenza". Il Presidente sottolinea poi che tutti i governi della storia repubblicana hanno avuto l’investitura del Parlamento e dunque parlare di governo tecnico significa entrare in un terreno che definisce "vago e futile". Dopo aver ricordato che per i presidenti delle Camere non esiste una procedura di revoca, Napolitano sottolinea la "funzione essenziale, che va preservata da speculazione e attacchi politici" di chi garantisce l’attività legislativa. Chiaro il riferimento al presidente della Camera Gianfranco Fini. Infine il capo dello stato rivolge un appello per il paese "che ha bisogno di risposte ai problemi anziché di rese dei conti e annunci minacciosi". -la7-