Internet, l’Agicom blocca la chiavetta selvaggia

Dal primo gennaio 2011 gli operatori saranno tenuti ad avvertire i clienti del raggiungimento del tetto di spesa. Niente più bollette stratosferiche per chi naviga con una connessione effettuata con la chiavetta usb. Il fenomeno, conosciuto come Bill Shock, lo hanno sperimentato gli utenti che usano questo dispositivo per navigare su internet quando scoprono addebiti superiori al tetto di spesa mensile. Un fenomeno su cui l’Agcom ha deciso di intervenire con nuove misure a cui dovranno adeguarsi tutti gli operatori telefonici che forniscono connessioni ad internet. Dal primo gennaio dovranno indicare al cliente le varie soglie di consumo e quando queste saranno raggiunte, saranno tenuti ad avvertire il navigatore con un sms, una e-mail o un avviso recapitato direttamente sul pc attraverso l’apertura di una finesta "pop-up". La tutela varrà sia per l’Italia, sia per l’estero.