Concordato, conti in rosso

Scade oggi la sanatoria del Comune per le multe fino al 2004: hanno aderito 102.000 romani. Il concordato ha i conti in rosso. Il condono parziale voluto dal Campidoglio per il pagamento agevolato, senza interessi, delle multe emesse entro il 31 dicembre 2004 incassa molto meno del previsto. Oggi è l’ultimo giorno per aderire alla sanatoria e sono poco più di 102.000 i romani che hanno aderito all’iniziativa, portando l’incasso a 23,6 milioni di euro: meno di un quarto della somma complessiva prevista di 99 milioni di euro. Malgrado la promessa di pagamenti scontati del 65/70 per cento, l’iniziativa sembra aver convinto poco i romani sin dal suo debutto. Dopo 255.000 notifiche inviate da Equitalia Gerit a partire dal 21 gennaio e quattro mesi di tempo per aderire, a pochi giorni dalla prima scadenza, fissata per lo scorso 15 maggio, aveva partecipato solo il dieci per cento dei romani interessati. Per contrastare quello che sembrava un evidente fallimento si è optato allora per una proroga di oltre un mese, basata sulla convinzione che chi vive nella Capitale e, forse non solo, tende ad aspettare l’ultimo minuto per pagare. Qualche miglioramento, in effetti, c’è stato: da venticinquemila aderenti si è passati a centoduemila. Il traguardo, però, è ancora lontano e per raggiungerlo, di proroghe ne servirebbero molte di più. Stavolta, però, non ci saranno: al Comune si dicono soddisfatti, malgrado quei 75,6 milioni di euro stimati e mancati facciano sentire il loro peso. I conti, però, non sono definitivamente chiusi. I multati hanno ancora qualche ora per saldare i debiti e sorprese potrebbero arrivare dalle multe spedite fuori Roma, ma per conoscere l’ammontare esatto dei pagamenti bisognerà attendere settembre. -leggo.it-