Spie, torna la Guerra fredda, Putin: vogliamo spiegazioni

È durissimo il commento dell’ex premier russo Vladimir Putin sull’arresto negli Usa di dieci sospette spie: «La polizia statunitense è andata fuori controllo, spero che questo non danneggi i nostri rapporti». L’operazione dell’Fbi, portata a termine proprio durante un incontro alla Casa Bianca tra il presidente americano Obama e il russo Medvedev, è stata condannata anche da esperti e politici di entrambi i Paesi che hanno parlato di sabotaggio «da parte dei falchi della politica statunitense» per ostacolare i rapporti Usa-Russia. L’inchiesta ha comunque dimensioni internazionali. Tra i sospetti, infatti, ci sono sudamericani ed europei tra cui un finto italiano, Mike Zottoli. Spunta anche una sexy spia: Anna la Rossa, ventottenne divorziata e con un master in economia, incastrata da un falso agente segreto a New York. -leggo.it-