Saldi sicuri, arrivano gli ispettori

Sabato via ai saldi di fine stagione. Il Campidoglio manda in campo squadre antifrode. Multe salate ai furbi. È un mini-esercito di controllori quello che sarà messo in campo per vigilare sulla correttezza dei saldi estivi, che prenderanno il via sabato e proseguiranno per sei settimane. Dopo anni di polemiche e proteste dei consumatori per i cosiddetti pre-saldi, anticipati su invito solo a clienti selezionati, e, soprattutto, per numerosi casi di truffe e falsi sconti, il Comune ha deciso di mettere in campo 180 vigili urbani e 90 ispettori annonari, destinati proprio a sorvegliare negozi e acquisti nei giorni più caldi della stagione, sia per i consumatori, che li attendono con ansia per fare qualche affare, che per i commercianti che, invece, sperano di rifarsi delle precedenti vendite poco gratificanti. Per i venditori che non rispetteranno le norme sono previste multe da 516,46 a 3098,74 euro. La stretta sulla vigilanza si accompagna a strategie di promozione dello shopping, con aperture domenicali per i centri commerciali e notturne per i negozi di Ostia, che sposteranno l’orario di chiusura all’una fino al 13 settembre per venire incontro alle esigenze di chi ama fare acquisti ma non vuole rinunciare al mare. Malgrado questi accorgimenti, le previsioni di vendita non sono rosee. Secondo le stime delle associazioni dei consumatori, la spesa dovrebbe aggirarsi intorno a 250 euro a famiglia, a fronte dei 300 del 2009. A ciò, per il Codacons, va aggiunta la possibilità di un’ulteriore riduzione del cinque per cento, dovuta alla distrazione del mare. Ed è proprio il Codacons a indicare le regole per lo shopping intelligente. La più importante è conservare sempre lo scontrino: la merce difettosa, infatti, entro due mesi dalla scoperta del problema, si può cambiare, anche laddove il negoziante specifichi che non si effettueranno cambi. I pagamenti con carta di credito o bancomat, inoltre, ove indicati come possibili, non richiedono oneri aggiuntivi. Chi desideri una consulenza può rivolgersi pure allo Sportello Pronto Saldi 2010 del Movimento Difesa del Cittadino Lazio. L’apertura dei saldi si accompagna alle solite polemiche sulla data. Per i consumatori dovrebbero essere anticipati a giugno, per i commercianti ritardati a fine luglio. Ad avere l’ultima parola, o quasi, saranno gli incassi. -leggo.it-