Consulta boccia le ronde, Maroni: legittime

La Corte Costituzionale ha detto no a parte delle norme sulle ronde previste dal pacchetto sicurezza 2008-2009. Via libera all’impiego di cittadini non armati sul fronte della «sicurezza urbana», mentre sono bocciate le ronde in situazioni di «disagio sociale». Secondo la Consulta, infatti, gli interventi sociali sono materia di competenza legislativa regionale e non possono essere disposti dai sindaci. Soddisfatto il ministro dell’Interno Maroni, che ha detto: «La parte bocciata, riguardante la possibilità di segnalare condizioni di disagio sociale, è assolutamente ininfluente».