Percorso netto, l’Argentina vola

Percorso netto per l’Argentina che batte anche la Grecia e accede agli ottavi a punteggio pieno. L’attende il Messico, in una replica del 2006 quando si andò fino ai supplementari. Unico neo della partita, anzi, dell’intero girone, lo zero alla voce gol per Leo Messi, ieri sera capitano in onore dei suoi 23 anni (domani). L’asso del Barcellona però è sempre nel gioco dell’Albiceleste e mette pure lo zampino sui gol. Maradona, praticamente certo del primo posto nel girone, cambia la squadra per sette undicesimi e schiera dall’inizio Milito e Aguero, deludenti. I primi 45′ sono da sbadigli con Tzorvas che respinge senza affanni due tiri di Aguero e uno di Veron. Nella ripresa la Grecia spinge di più perchè spera ancora di qualificarsi. Al 13′ Demichelis si esibisce nell’ennesimo erroraccio del suo mondiale (ne ha fatto uno a partita) e per fermare Samars ci vuole il miglior Burdisso. Al 18′ Maradona inserisce Di Maria e la gara diventa più vivace con Messi che da fuori impegna Tzorvas. Al 32′ esce Aguero per Pastore che subito entra nell’azione che vede una palla messa in mezzo all’area greca. Milito la ferma (forse di mano) per Demichelis che segna facile. Nel finale per Milito entra Palermo che all’89’ chiude i giochi dopo una grande invenzione di Messi che impegna Tzorvas e serve il pallone al vecchio bomber che non può fallire. -epolis-