Le banche vanno tassate dal 2011

«Alla luce dell’accordo in seno al G20 di Toronto, i governi francese, britannico e tedesco propongono di introdurre una tassa sugli utili delle banche». E’ quanto si legge in una dichiarazione congiunta dei tre Paesi a poche ore dalla presentazione della finanziaria d’emergenza britannica, «dura ma giusta», come l’ha definita il ministro delle Finanze britannico George Osborne. Una manovra anti-crisi che punta ad arginare un deficit di 155 miliardi di sterline e a far rientrare l’allarme disoccupazione, oggi all’8,1%. Dal prossimo gennaio l’iva salirà dal 17,5% al 20%, mentre alcol e tabacco non saranno ulteriormente tassati. Poi i risparmi della spesa pubblica: -25% per i ministeri in 4 anni e congelamento degli stipendi sopra le 21mila sterline. Intanto in Italia la Guardia di Finanza ha reso noto il bilancio dell’attività svolta nei primi 5 mesi del 2010: la somma dei redditi non dichiarati al fisco vale quasi quanto la manovra varata dal governo. La cifra ammonta a 22,2 miliardi di euro, quasi il doppio dell’evasione accertata nello stesso periodo del 2009. -leggo.it.