La Francia spazzata via dal Messico

La Francia torna a casa molto prima del banchetto finale. Solo la matematica e la prossima sfida con il Sudafrica la tengono in vita, ma la speranza non esiste più. E’ stata spazzata via da un Messico solido e pimpante, quello ammirato anche contro l’Italia a Bruxelles, capace di costruire almeno un paio di nitide occasioni da rete prima di concretizzare quando quel che resta dei finalisti di quattro anni fa si è sciolto nel gelo di Polokwane. Domenech se ne andrà, era già scritto, ma Blanc che arriverà dopo di lui avrà molto su cui lavorare e pensare. Il ct francese sposa solo a metà la linea della rivoluzione, c’è Malouda (che giocherà solo a sprazzi e solo per un tempo) ma non Henry, il grande bocciato della serata. Ribery è il solo a dimostrare di provarci ma la pochezza in avanti dei "Bleus" è terrificante e pure lui si perde. Il Messico invece appena si organizza colpisce e fa male: due occasioni per Salcido, poi ancora Dos Santos a minacciare Lloris. Passano i minuti, la Francia evapora e sacrosanta arriva la punizione, materializzata da Hernandez (scattato in posizione dubbia) e definitivamente sancita dalla freddezza di Blanco che realizza un penalty generosamente concesso dalla stoltaggine di Abidal. Sono i titoli di coda perché i francesi sono incapaci di una reazione, slegati e troppo impegnati ognuno a giocare la propria gara. Passeranno Uruguay e Messico, ma vista questa Francia non è una buona notizia per le altre. -epolis-