Caldo, weekend sul girarrosto

Italia nella morsa del caldo per tutto il week end. Il Nord inizierà a respirare solo domenica sera mentre le alte temperature non molleranno la presa nel Centro-Sud. Colpa di un corridoio di aria calda e sabbia, che parte dall’Africa settentrionale diretto nei Balcani e che sta causando l’ondata di calore. Si percepisce molto di più il caldo, «perché veniamo da una primavera caratterizzata da tanti giorni consecutivi di pioggia», afferma Massimiliano Pasqui, dell’Istituto di Biometeorologia del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Ibimet-Cnr). L’aria calda sta attraversando il Centro-Sud: è carico di sabbia, che rende il cielo opaco e fa da scudo alle radiazioni solari. Per fronteggiare la situazione il Ministero della Salute ha dato il via al programma di prevenzione contro le ondate di calore. Sul sito www.salute.gov.it è possibile scaricare alcuni opuscoli informativi, rivolti a popolazione, medici e a quanti si occupano di anziani, anche in più lingue. Numerosi i consigli degli esperti: non uscire dalle 11 alle 18, soprattutto se si è anziani, bambini o malati cronici. Gli esperti consigliano inoltre di indossare un abbigliamento leggero (lino o cotone), proteggere la testa con cappelli e portare occhiali da sole; non lasciare persone o animali in auto parcheggiate al sole; evitare di regolare la temperatura a valori troppo bassi rispetto all’esterno: l’ideale è tra i 24-26°C; bere molti liquidi ma non alcolici; fare pasti leggeri e frequenti. Inoltre è stato attivato il Sistema di Allerta Nazionale della Protezione Civile. Regioni, Comuni e Asl hanno sviluppato piani operativi e attività di assistenza e è stata rinnovata l’ordinanza di redigere la cosiddetta Anagrafe della suscettibilità, per individuare e seguire chi è più a rischio. -leggo.it-