Stangata sui clienti dei Vu cumprà

Comprare una pochette griffata Louis Vuitton sotto gli ombrelloni di Jesolo può costare davvero caro, specie se la griffe è palesemente falsa. Sette euro è quanto ha pagato una turista 65enne austriaca a un venditore abusivo senegalese, più mille euro di multa. E per cogliere sul fatto turista e venditore, i vigili si sono appostati con il binocolo su una torretta dei bagnini. Spetta a Jesolo la palma della prima spiaggia d’Italia a stangare i turisti che comprano dagli abusivi. «Sono una pensionata – ha detto la turista sbalordita – non ho i soldi per pagare la multa. E poi presto riparto…». Ma il sindaco Francesco Calzavara non cambia le direttive: «Colpiremo i venditori, ma anche gli acquirenti. Avremo perso una cliente, ma ne avremo molti altri – dice il sindaco – Ricevo lamentele tutti i giorni. Un turista mi ha segnalato di aver avuto 48 visite in un giorno da parte degli ambulanti in spiaggia». E i vigili continueranno ad applicare l’ordinanza: «Abbiamo raggiunto livelli insostenibili – dice il comandante della municipale Claudio Vanin – Per contrastare gli abusivi abbiamo creato una squadra di 16 vigili». Preoccupato il presidente dell’Apt di Jesolo, Amorino De Zotti: «I turisti sbagliano quando comprano dagli abusivi – dice De Zotti – ma questo non è il metodo giusto. Gli ospiti non leggono i volantini con le ordinanze del sindaco. E dopo questa multa, cosa dirà questa turista di noi? Dirà le cose più brutte». Ma il sindaco di Jesolo tira dritto e nel mirino mette anche i venditori asiatici di fiori. «E’ un’altra piaga – dice Calzavara – che richiede il nostro intervento». -leggo.it-