Sex & The City 2, tornano Carrey & friends

Uomini, tremate: le ragazze sono tornate. Sugli schermi da venerdì con il sequel di “Sex and the City”, le “ex single” Carrey, Miranda, Samantha e Charlotte sono di nuovo in piazza, pronte a combinarne di tutti i colori. Benpensanti e moralisti avvisati: qui si gioca con il politicamente scorretto (la Cattral se la vedrà con menopausa e regole islamiche, fra ironia contro veli e pro-preservativi) e un tocco di trash non indifferente (in primo piano tette ballonzolanti sotto la maglia e peni in erezione nei pantaloni). E’ il cinema per donne, bellezza: eccessivo, ridereccio e a tratti volgare, perfetto per quante intendono passare una serata a divertirsi seguendo paranoie e disavventure sentimentali di quattro squilibrate (perché di questo si tratta, malgrado i bei vestiti appariscenti, marcati ora Dior ora Chanel, per un totale di 180 brand) che a 50 anni si danno consigli come teenager ai primi amori. Fanno tenerezza, sono così ridicole che strappano risate su risate, emozionano quando si abbracciano perché, nonostante i 20 anni passati (godetevi un flashback esilarante) loro sono sempre lì, insieme, amiche del cuore:“Non importa uomini o bambini: siamo anime gemelle”. Ecco il segreto: osare, esagerare, ma ribadire il concetto che le donne fanno la storia e insieme sono invincibili. Il cast è pimpante e pieno di sorprese: al quartetto Parker-Cattrall-Davis-Nixon e relativi partner si aggiungono volti d’eccezione, da Liza Minelli (che canta, balla e sposa una coppia gay) a Penelope Cruz, fino a Miley Cyrus. E la storia ci porta nel lusso del Medio Oriente, anche se nel film è Abu Dhabi, nella realtà il Marocco. Ridiamoci su. -dnews-