Berlusconi: Io avrei vinto lo scudetto

Nuovo attacco di Berlusconi: «Con me in panchina, sarebbe stata un’altra cosa». Il Benfica su Huntelaar. Tante idee (da Trezeguet a Robinho), un paio di desideri (Ibra e Dzeko), qualche proposta (Amauri), pochi soldi (30milioni in budget totale, Primavera compresa). La realtà del Milan è questa. Galliani è deciso a convincere Berlusconi a un sacrificio. E ieri da Berlusconi l’ennesima frecciata verso l’ex Leonardo, riferita a un’altra cena politica: «Il Milan è la squadra che amo e perciò sono il primo tifoso. Però io quest’anno, nonostante i tanti infortuni, se avessi fatto l’allenatore avrei vinto lo scudetto con 5-6 punti di distacco…». Il sacrificio presidenziale potrebbe essere per l’attacco. Per questa ragione si aprono le porte ad una cessione di Klaas Jan Huntelaar. L’attaccante olandese è stato richiesto da Rui Costa per il Benfica. Notizia confermata dallo stesso tecnico del club lusitano, Jorge Jesus: «Klaas è uno dei nomi dell’elenco avrei voluto che Cardozo non partisse. E’ un giocatore che non gioca nella Nazionale, ma che ha fatto 26 gol nell’ultima stagione». Prezzo minimo 15 milioni, con la possibilità di fare una piccola plusvalenza. L’idea comoda è Trezeguet, magari Robinho anche se il suo agente Juan Figer ha spiegato: «Il Milan non mi ha mai contattato per lui, ma per un altro giocatore. Rafael Toloi (classe 1990, ndr)? Sì, hanno mostrato interesse per il difensore del Goias, al momento non si sono mossi con decisione». Rimangono la suggestiva e reale ipotesi Ibrahimovic, ma bisognerà attendere ancora qualche settimana perché il giocatore esca allo scoperto. E poi? Il solito Dzeko. Silvano Martina, amico di famiglia del bosniaco, ha raccontato: «Dubito che Edin possa venire in Italia. La clausola di 40 milioni? E’ una vecchia opzione, scade il 31 maggio, da quella data si potrà trattare e scendere un po’ di prezzo, anche se dubito possa calare in maniera considerevole». Ipotesi Amauri? La Juve vuole Borriello in cambio. Affare Lazzari. Il giocatore seguirebbe volentieri Allegri a Milano «ma sarei contento di rimanere a Cagliari». Bocciato.