Real sicuro: Mourinho è nostro

José Mourinho è già stato annunciato in casa Real. Ma manca l’ufficialità, perché rimane da risolvere il suo divorzio con l’Inter. Il portoghese se n’è andato dai nerazzurri ed a Madrid è già visto come il salvatore della patria dopo che ieri mattina lo Special One aveva incontrato il vicepresidente interista, Rinaldo Ghelfi, con il suo procuratore Jorge Mendes. Poi era stato chiaro sulle sue volontà: «E’ impossibile che rimanga a Milano. Con l’Inter non è ancora finita, ma è tutto tranquillo e non ci sono problemi. Ora sono in vacanza, poi andrò a lavorare in Spagna». La grana è una ed è grande.C’è sempre il nodo da sciogliere legato alla sua clausola di rescissione, 16 milioni di euro, su cui un Massimo Moratti visibilmente infastidito e nervoso non intende fare sconti. Lui vuole la cifra lorda, il lusitano sostiene che vada considerato il netto, quindi tra 7 e 9 milioni. Ieri pomeriggio il presidente del Real, Florentino Perez, dopo una giunta direttiva ha congedato Pellegrini (4 milioni di buonuscita), annunciando senza giri di parole l’arrivo di Mou. «Il nuovo tecnico del Real Madrid è Josè Mourinho. E’ il migliore». Oggi potrebbe essere il giorno decisivo per la risoluzione del rapporto tra il portoghese e l’Inter, su cui il Real ha detto chiaramente di non voler metterci bocca, convinto che in caso di vittoria della Champions José si sarebbe liberato gratis. Moratti, che ormai pare aver scelto Capello come successore, non intende mollare. Lui e Perez si sono sentiti al telefono. Nell’accordo potrebbero finire anche giocatori in uscita dal Real (Xabi Alonso, Higuain o Benzema) oppure potrebbe essere azzerato il costo di Sneijder. Nel pomeriggio di ieri Moratti è volato in Sardegna per l’anniversario dei tre operai morti nella raffineria Saras senza prendere subito la via di Madrid. Di sicuro a voler seguire Mou in Spagna è Daniele De Rossi. «Di fronte al Real Madrid non ci sarebbe nemmeno il dubbio», ha detto dal ritiro della Nazionale. In Brasile, intanto, continua il forcing romanista su Adriano. Daniele Pradè ha trascorso la giornata trattando con il procuratore del giocatore Gilmar Rinaldi per l’arrivo dell’Imperatore alla Roma. L’offerta economica dei giallorossi, circa 3 milioni a stagione, soddisfa Adriano che arriverà a parametro zero e ha preso parte agli ultimi allenamenti con il Flamengo in ciabatte, assistendo alla sola riunione tecnica per dire addio ai compagni. In casa Milan fanno rumore le nuove dichiarazioni di Silvio Berlusconi contro l’ex Leonardo: «Se ci fossi stato io in panchina in questa stagione, avrei vinto lo scudetto con 5-6 punti di vantaggio…». Intanto il Benfica ha richiesto l’olandese Huntelaar, mentre la Juve avrebbe offerto Camoranesi e Trezeguet per Borriello. La Samp ha ufficializzato Di Carlo allenatore. -leggo.it-