Allarme Colosseo

E’ il simbolo di Roma nel mondo. Ma sta cadendo, è proprio il caso di dirlo, a pezzi. Il Colosseo è sempre più a rischio. Nella notte tra sabato e domenica un pezzo di malta di calce della struttura originale dell’anfiteatro Flavio, di circa mezzo metro quadrato e di minimo spessore, è caduto da uno degli ambulacri al primo piano, dove vengono ospitate le mostre. I detriti caduti hanno rotto la rete di protezione collocata tra gli anni ‘70 ed ‘80. Non ci sono stati feriti e, a parte una transenna che impedisce di accedere alla zona del crollo, non ci sono state chiusure al monumento. Non meno di due mesi fa, il Sindaco Alemanno aveva annunciato che il 2010 sarebbe stato l’anno del restyling: si sta cercando uno sponsor internazionale che finanzi la ripulitura dei marmi e la messa in sicurezza. Ma quello dei fondi per l’arte non è un caso legato solo a Roma e alle sue gemme: a Firenze c’è il rischio per gli Uffizi, a Venezia si rischia grosso con la stabilità dei palazzi storici, c’è il polo archeologico di Pompei che versa in una situazione «drammatica». E che dire della Valle dei templi agrigentina abbandonata al suo destino? Insomma, le perle italiane rischiano di esser compromesse per la mancanza di finanziamenti. La questione arriverà in settimana anche nella commissione cultura della Camera.