Declassata anche la Spagna

S&P abbassa il rating da AA+ ad AA. Grecia, Merkel dice sì agli aiuti. Borse giù, euro ai minimi. Dopo aver reso «spazzatura» i titoli greci, Standard & Poor’s declassa anche la Spagna. L’agenzia di rating ha infatti tagliato il merito di credito di Madrid, portandolo ad AA dal precedente AA+. E le prospettive sono «negative» perché si teme un ulteriore peggioramento della posizione fiscale spagnola. Immediate le ripercussioni sull’euro, sceso ai minimi da fine aprile 2009, a quota 1,3130 dollari. Le Borse europee hanno chiuso ancora in territorio negativo, anche se in risalita dai minimi toccati in mattinata. Ma ad aprire uno spiraglio nel buio della crisi sono le notizie che giungono da Berlino. Il pressing del presidente della Banca centrale europea, Jean-Claude Trichet, e del direttore del Fondo monetario internazionale, Dominique Strauss-Kahn, sembra aver vinto le resistenze tedesche. La cancelliera Angela Merkel attiverà una procedura accelerata per gli aiuti tedeschi alla Grecia nel quadro del programma di salvataggio dell’Ue, con un disegno di legge da far approvare al Bundestag entro il 7 maggio. E intanto monta la polemica contro le agenzie di rating, accusate di non tenere conto degli sforzi del governo greco e delle istituzioni internazionali. La Commissione europea ha espresso l’auspicio che le agenzie agiscano in maniera «responsabile e rigorosa». E la crisi greca suscita timori anche a Washington. Il presidente Usa, Barack Obama, «è molto preoccupato per la situazione finanziaria della Grecia e l’amministrazione segue la vicenda da vicino». -leggo.it-