Addio alla moto con lo sconto

Fine corsa per le moto scontate. Il 93,7% dei contributi per le due ruote messi a disposizione dal governo è stato già erogato. E i fondi si esauriranno in due giorni. Dei contributi erogati, oltre 11.148 sono per i motocicli fino a 40 cavalli o fino a 70kw ‘euro 3’ mentre oltre centomila euro sono stati erogati per i motocicli elettrici e ibridi. Già esauriti, invece, i contributi per la nautica: la stragrande maggioranza dei fondi – in tutto 20 milioni – è andata agli stampi per gli scafi da diporto, cioè ai cantieri. Nel complesso, sul totale di trecento milioni, i contributi già utilizzati sono pari al trenta per cento per un valore di 88,314 milioni di euro, stando ai dati del governo. I numeri forniti alla Camera dal sottosegretario allo Sviluppo economico, Stefano Saglia, dicono anche che ha avuto risposta meno di un quarto delle chiamate al call canter, il cui costo è stato di tre milioni. Se dunque moto e nautica hanno fatto il pieno, è stato superiore alla media anche l’andamento delle cucine componibili, che hanno “tirato” più del 40 per cento delle somme disponibili (vale a dire sessanta milioni di euro complessivi). Gli italiani, invece, sono rimasti più freddi per altri settori, dagli elettrodomestici (utilizzati solo otto dei cinquanta milioni di euro a disposizione) alla banda larga internet, con una quota del 19,6% sul totale dei fondi, pari a venti milioni, fino alle cosiddette “case ecologiche”, ovvero gli immobili ad alta efficienza energetica: utilizzati solo il 13% dei sessanta milioni a disposizione. Va meglio, invece, alle macchine agricole, per le quali è stato erogato il quarantatré per cento delle risorse disponibili. Le richieste per i rimorchi hanno eroso un quarto del totale: poco più di 2 milioni su quasi 6. Quelle invece per le gru per l’edilizia sono state pari al 3,8% dei 40 milioni di euro stanziati dal governo. Lunedì in Aula, alla Camera, inizierà proprio l’esame del decreto legge sugli incentivi, su cui sono in corso le votazioni nelle commissioni Finanze e Attività produttive. -leggo.it-