Oggi a Morena i funerali di Sara e Francesca

Oggi alle 16 nella chiesa di Morena si terranno i funerali di Sara e Francesca, le due adolescenti romane rimaste vittime nel crollo di un costone a Ventotene mentre erano in gita. Per tutta la giornata di ieri c’è stato un via vai di amici per la camera ardente. Hanno lasciato gli zaini di scuola fuori l’entrata della chiesa e silenziosamente, volti scuri e malinconici, hanno reso omaggio a Francesca e Sara. All’ingresso le tre corone di fiori di Comune, Provincia e Regione. Incessante l’andirivieni di persone che si sono unite al dolore dei familiari, che vegliano le bare bianche da ieri. Ragazzi appena usciti da scuola, residenti del quartiere, colleghi di lavoro dei familiari. A Sant’Anna, periferia sud della Capitale, sono a lavoro dalla giornata di mercoledì i volontari della Croce Rossa che ieri mattina hanno soccorso il nonno di Sara, colto da lieve malore. Una gigantografia delle due ragazzine è stata affissa sulla porta di ingresso della chiesa, sotto la quale è stata allestita una piccola urna «un’offerta per l’oratorio di Sara e Francesca», c’è scritto su un cartello. E mentre a Ventotene cominciano i lavori per la messa in sicurezza, non si placano le polemiche sulla tragedia. Franco Ortolani, ordinario di Geologia dell’università di Napoli, è stato categorico: «Il costone tufaceo di Cala Rossano anche se non era stato classificato a pericolo di frana di fatto era instabile ed avrebbe dovuto essere classificato come tale». -dnews-