Minicar travolge una donna e un bimbo alla guida ragazzo di 15 anni

Passeggiava per la strada in compagnia della zia quando una minicar uscita di strada lo ha travolto, rischiando di ucciderlo. Un bambino di cinque anni è stato investito poco dopo le 18 di mercoledì in via Ortona dei Marsi, in zona Castelverde, periferia est di Roma. Il piccolo è stato ricoverato all’ospedale Sandro Pertini per alcune contusioni mentre la zia è stata dimessa con una diagnosi di dieci giorni. Alla guida della minicar c’era un quindicenne appartenente a una famiglia sinti italiani, che aveva un passeggero a bordo, una ragazza di 18 anni, nonostante la legge lo vieti. La piccola vettura si è ribaltata in curva ed è finita contro la donna e il bambino. Il guidatore è stato multato per guida pericolosa e il mezzo, ormai distrutto, è finito sotto sequestro perché senza assicurazione. Con ogni probabilità si tratta di una minicar modificata, anche se i vigili urbani dell’ottavo gruppo aspettano l’esito della perizia tecnica: la vettura però viaggiava sicuramente oltre i settanta chilometri orari. Quello di Castelverde è l’ennesimo incidente con le cosiddette “macchinette” coinvolte. La scorsa settimana erano morti due minorenni in tre giorni (Jacopo Fanfani sull’Olimpica e Federica Lupi all’Olgiata), ora l’assessore alla Mobilità Sergio Marchi annuncia controlli: «In una settimana i vigili urbani hanno già sequestrato 38 minicar». Il Moige, il Movimento italiano genitori, chiede più ispezioni anche nelle officine. D’accordo il Codacons: «Indagare anche i meccanici che tolgono i diaframmi». -dnews-