Lazio Roma, il derby e le sue happy hour

Riti e sfide: chi perde il derby, andrà a pulire l’aiuola di piazza Venezia con la sciarpa altrui. E’ la posta in gioco alla Camera. Lo hanno già ribattezzato il derby dell’aperitivo. A Roma non si parla d’altro e, nonostante l’orario inusuale, l’intera città si appresta a vivere il derby più importante della storia fra sfottò, rivisitazioni e appuntamenti ad hoc. Lo slogan giallorosso e quello biancoceleste sono già pronti da alcuni giorni. Da una parte il “mannamoli in serie B” dei romanisti, dall’altra il “levamoje lo scudetto” dei cugini biancocelesti che si ritroveranno all’Olimpico così come nei tanti pub della Capitale organizzati per una sorta di lungo “happy hour derby” che collega l’aperitivo con la cena (per quelli che riusciranno a mangiare). Grande fibrillazione anche nei club giallorossi e biancocelesti. Lo storico della Roma nel quartiere Testaccio, a pochi giorni dell’inaugurazione della nuova sede, sta diventando “la mecca” dei tifosi romanisti che vanno lì a portare doni e portafortuna. Per l’occasione nel quartiere si è creata una strana alleanza con gli juventini (nemici storici dell’Inter) pronti a offrire il loro tifo domenica sera. Sull’altra sponda del Tevere gli interisti faranno il tifo con i laziali che giocano il derby in casa. Molti di loro si ritroveranno al circolo canottieri Lazio sul lungotevere Flaminio. La stracittadina si sposta anche a Montecitorio. “Chi perde pulisce l’aiuola di piazza Venezia con addosso la sciarpa della squadra avversaria”, è stata la provocazione, raccolta da molti deputati, partita dal laziale Giulio Pelonzi, vicepresidente della commissione Cultura e sport del Pd, e Federico Rocca, presidente del circolo Roma in Campidoglio. La lunga attesa è già cominciata e terminerà solo alle 20,30 di domenica quando Roma si colorerà a festa. Di giallorosso o biancoceleste? -leggo.it-